Avete presente quelle riunioni noiose in cui un manager parla e tutti ascoltano in silenzio ma non vedono l’ora finisca?

Dimenticatele!

I bilanci non si fanno solo a inizio e fine anno. Da noi in PowerApp anche giugno è il momento per fermarci e confrontarci sul lavoro fatto nei primi sei mesi dell’anno. In una parola: #PowerAppDay.

 

 

Ci eravamo lasciati a febbraio dicendovi che stavamo per prendere il volo con numerose novità. Ebbene, siamo decollati!

Ne sono successe di cose in così pochi mesi:

  • gli obiettivi che ci eravamo prefissati per metà 2017 sono stati raggiunti, con un incremento da tutte le nostre business unit rispetto al 2016
  • il team si è allargato ancora con l’ingresso di tre nuovi collaboratori: Ilaria, Alvise e Michele

E poi c’è una delle novità più grandi, un nuovo fiocco in casa PowerApp.

Rosa o azzurro? Ma no, arancione!

Il nuovo nato è proprio questo blog su cui ci state leggendo, un desiderio che avevamo da tanto e che finalmente siamo riusciti a realizzare.

E questa è solo la prima delle novità sulla rinnovata presenza digitale di PowerApp su cui stiamo lavorando.

 

 

Il #PowerAppDay è stata anche l’occasione per guardarci indietro su alcuni progetti passati per capire punti di forza e criticità del nostro lavoro. La business unit sviluppo e quella web marketing si sono confrontate attraverso osservazioni e critiche costruttive che hanno fatto emergere i passi avanti già fatti e gli obiettivi, personali e di gruppo, a cui puntare.

 

Tutto questo discutere, alla fine, ci ha fatto venire una gran fame. Ma se state pensando alla classica cena in un ristorante siete fuori strada.

Ai fornelli non c’era uno chef qualsiasi, ma lo staff di PowerApp. Cucinando insieme in piccoli gruppi gli uni per gli altri abbiamo cementato i nostri rapporti.

Incredibilmente siamo riusciti a non bruciare nulla, anche se siamo stati rimandati a settembre. Perciò, se tra voi c’è qualche aspirante Masterchef accettiamo ripetizioni in vista del prossimo #PowerAppDay!

Grazie a Michele Pasculli per il contributo.

Comments

comments